Tutto sulla Dieta Plank

Un regime alimentare che è particolarmente seguito nel corso degli ultimi anni è quello noto con il nome di dieta Plank. Questa dieta è diventata ben presto famosa perché promette di riuscire a far perdere a coloro che la praticano, 9 chili in appena due settimane. Questa dieta è spesso contestata, ma la sua efficacia è inoppugnabile in quanto sono tantissime le persone anche provenienti dal mondo dello spettacolo che l’hanno provata con dei risultati davvero strabilianti.

Cos’è la dieta Plank?

La dieta Plank si basa su uno schema alimentare ben preciso che deve essere seguito nel dettaglio. Tale schema è anche contornato da una serie di accorgimenti tipo nutrizionale che vi daranno l’opportunità di raggiungere l’obiettivo desiderato in pochissimo tempo. Ma come funziona la dieta Plank? Su siti specializzati come ad esempio www.dietefacili.com si possono trovare informazioni molto più approfondite, ma cercheremo anche qui di dare le informazioni principali.

Ecco dunque tutte le caratteristiche del regime alimentare che sta spopolando sul Web e non solo.

Lo schema alimentare della dieta Plank

La dieta Plank è un regime alimentare di tipo iperproteico che è assolutamente privo di carboidrati e di fibre. Si tratta di una dieta ipocalorica che abbonda in uova, pesce, carne e da lì tutti gli alimenti che sono ricchi di proteine. Questo schema permette di perdere 9 kg in due settimane e vi da l’opportunità di avere dei risultati visibili fin da subito. La dieta Plank include una varietà di uova davvero grande ed inoltre, vi obbliga a mangiare quotidianamente in carne rossa elevati dose di colesterolo. Un’altra cosa da sottolineare che questo tipo di dieta, mette in moto il metabolismo proteico e vi permette di consumare più facilmente energia anche attraverso un consumo di caffeina. Secondo lo schema previsto dalla dieta Plank non è possibile sostituire un alimento con un altro quanto, piuttosto, bisognerà seguire alla lettera tutto il menu settimanale che viene proposto. Generalmente, si tratta di una colazione a base di caffè o di tè, senza zucchero a pranzo e cena c’è un piatto unico e la verdura è abbastanza ridotta in termini di varietà perchè é possibile mangiare pomodori, sedano oppure carote. Il menù viene seguito per due settimane ed è anche previsto il settimo giorno di mangiare qualunque cosa desideriate. Questa dieta va ripetuta dall’inizio alla fine della prima settimana e poi nella fase successiva si può mangiare normalmente, in modo tale da riuscire a ottenere i risultati desiderati.

Precauzioni

È opportuno per chi pratica questa dieta fare anche dell’attività fisica e poi, prevedere una fase di mantenimento perché altrimenti si corre il rischio di recuperare facilmente i chili persi. È vero che c’è uno sbilanciamento delle dieta eccessivo, però è anche vero che i risultati sono davvero molto rapidi.