Provolone del Monaco dop, attenzione ai falsi

Il suo gradomento presso gli chef stellati e l’alto numero di falsi che purtroppo sono stati immessi in commercio recentemente dimostra che il Provolone del Monaco Dop e’ un formaggio molto in voga.

Nel 2006 è nato il Consorzio di Tutela del Provolone del monaco e dal 2010 a questo formaggio è stata riconosciuta la DOP che prevede che ogni provolone rechi il marchio e il logo impressi termicamente su ogni faccia con la dicitura “Provolone del monaco”. Questo formaggio ha inoltre ottenuto il definitivo riconoscimento della Comunità Europea.

il Consorzio di Tutela del Provolone del monaco

Ogni tappa della sua lavorazione: dal latte alla coagulazione, dalla rottura della cagliata alla scottatura, dalla filatura alla formatura a pera o cilindro, dalla salatura in salamoia alla stagionatura in cantina almeno per sei mesi, permette alla forma di acquisire un aroma ed un sapore unici, esaltati dalla lunghezza del periodo di stagionatura.

Il Provolone del monaco è un formaggio semiduro, a pasta filata e stagionato e er essere commercializzato deve presentare le seguenti caratteristiche: stagionatura di almeno 6 mesi; peso minimo di 2,5 Kg.

prezzo del Provolone del monaco

Nel 2008 risulta una produzione certificata e venduta come Provolone del Monaco DOP di 120 quintali circa, ma nel 2009 (dati non ancora ufficiali) si è già oltre i 400 quintali, corrispondenti a 12.500 formaggi con la pezzatura di 3,2 Kg, la più utilizzata.

La qualità del latte impiegato è eccezionale perchè sintesi del patrimonio genetico di tre razze che attraverso una opera di selezione hanno originato nel tempo la vacca agerolese che sebbene abbia rese in latte molto modeste, di contro produce un latte di alta qualità impiegato in miscela per migliorare la qualità del provolone del monaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *