Come combattere l’incontinenza urinaria con gli esercizi

In tanti soffrono di incontinenza urinaria in Italia e non sanno a chi rivolgersi. Ne soffre almeno una donna su tre ed un uomo su 10. Questo tipo di problematica può essere risolta attraverso una serie di esercizi fisici che rinforzano il pavimento pelvico.

In questo centro di fisioterapia a Roma, il problema viene trattato con molta serietà e solitamente viene risolta con 3 o 4 trattamenti.
La visita dallo specialista serve anche per capire se si tratta veramente di incontinenza.Può capitare a tutti la perdita di qualche goccia di urina, soprattutto col trascorrere degli anni. E ben diverso, invece, quando il problema è costante ed è necessario indossare sempre una protezione.

Le cause più comuni? Per lei, il parto e la menopausa. Per lui, un intervento di prostatectomia, cioè di asportazione della prostata, e l’invecchiamento. L’importante e non esitare a parlarne con il medico, perche le soluzioni non mancano: dai farmaci alle tecniche riabilitative e olle iniezioni locali oggi si può mettere a punto una terapia su misura.
Per prevenire, ma anche per curare, è molto utile la ginnastica che rinforza il pavimento pelvico, cioè quei muscoli che sostengono la vescica. Gli esercizi possono risolvere i casi lievi in sette casi su dieci e, in associazione agli altri trattamenti, accelerare la guarigione nelle forme più avanzate.

Esercizi per rinforzare il pavimento pelvico
1. Schiena a terra, ginocchia piegate, piedi appoggiati e braccia lungo il corpo.
2. Inspira e, mentre espiri, contrai i muscoli dell’addome e, contemporaneamente, solleva prima i glutei e poi la colonna vertebrale. Torna nella posizione iniziale. Ripeti 20 volte.
3. Sdraiata a pancia in su, gambe piegate, porta il ginocchio destro all’altezza del petto, inspira e tira in dentro la pancia come se dovessi allacciare dei jeans stretti. La schiena deve rimanere ben aderente a terra.
4. Distendi la gamba come da figura, sempre con i muscoli dell’addome ben stretti. Rilassati e ripeti 10 volte per gamba.
5. Pancia ben aderente a terra, appoggia gli avambracci, spalle e collo rilassati. Correggi se necessario la posizione: perché sia quella giusta devi essere stabile e non perdere l’equilibrio.
6. Mentre inspiri contrai pancia e glutei e, espirando, alza lentamente il bacino da terra. Conta fino a cinque e torna nella posizione iniziale. Ripeti 10 volte.
7. Mettiti a carponi, braccia ben diritte, palmi aderenti a terra. Fai attenzione a non inarcare la colonna vertebrale.
8. Inspira e. contemporaneamente, contrai gli addominali. Mentre espiri distendi la gamba destra e il braccio sinistro. Inspira lentamente, torna
nella posizione iniziale ed espira. Ripeti 10 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *